BIBLIOGRAFIA

                                                                                 BIBLIOGRAFIA

OPERE ANTICHE:
Aristotele, Etica a Nicomaco
Cicerone, De Republica
Dante, De Monarchia
Eschilo, Eumenidi
Omero, Iliade; Odissea
Ovidio, Metamorfosi
Platone, La Repubblica
Rufo Musonio, Diatribe

ALTRE OPERE:
Solomon E. Asch, Social Psychology (1948). Traduzione italiana: Psicologia sociale, SEI 1989


Johann Jakob Bachofen, Das Mutterrecht (1861).

Traduzione italiana: Il Matriarcato, Einaudi 1988


Élisabeth Badinter, Fausse Route, Odile Jacob 2003


Henry Biller, Paternal Deprivation: Family, School, Sexuality, and Society , Lexington Books 1974; Fathers and Families: Paternal Factors in Child Development, Auburn House 1993

Yvon Dallaire, La violence faite aux hommes, Une réalité taboue et complexe, Option Santé, 2002


Simone de Beauvoir, Deuxieme Sexe (1949). Traduzione italiana: Il secondo sesso, Il Saggiatore 2002

Louis de Bonald, Législation primitive (1802). Place Jean Mich 1997


Gisela Bock, Le donne nella storia europea, dal Medioevo ai nostri giorni, Laterza 2003


Judith Butler, Gender Trouble: Feminism and the Subversion of Identity, Routledge 1990; Undoing Gender, Routledge 2004


Sanford Braver, Ross D. Parke & Armin Brott, Throwaway Dads: The Myths and Barriers That Keep Men from Being the Fathers They Want to Be, Houghton Mifflin, 1999


Augusto Cortelloni, Pedofilia & Satanismo: Risorge l’Inquisizione. Quel Pasticciaccio della Bassa Modenese (2000), fuori catalogo. Il libro è accessibile sul sito http://www.falsiabusi.it/ documenti/Cortelloni _Augusto.pdf


Emilia Costa, Cervello, linguaggio, pensiero. Comportamento femminile e comportamento maschile, CIC Edizioni Internazionali 2003


David Cooper, The Death of the Family, Pantheon Books 1970


Mary Daly, The Church and the Second Sex, Harper & Row 1968; Beyond God the Father,Toward a Philosophy of Women’s, Women’s Press 1973


Jean Delumeau, Il peccato e la paura, l’idea di colpa in Occidente dal Xlll al XVIII secolo, Il Mulino 1987
Georges Jacques Danton, Sur l’instruction gratuite et obligatoire (1793), fuori catalogo. Les Discours Civiques de Danton sono accessibili sul sito www.politique.com/livres/base-indispensables/politique/discours_civiques_danton.pdf


Warren Farrell, Why Men Are The Way They Are, Berkley Publishing Group 1988; The Myth of Male Power: Why Men Are The Disposable Sex, Simon & Schuster 1993


Elio Fazzalari, Vittorio Denti & Giuseppe De Luca, Francesco Carnelutti a trent’anni dalla scomparsa, Forum Editrice Universitaria Udinese 1996


Gaetano Filangieri Riflessioni politiche sull’ultima legge del nostro Sovrano che riguarda la riforma dell’amministrazione della giustizia (1774), fuori catalogo


Charles Fourier,Théorie des quatre mouvements et des destinées générales (1808). Presses du Réel 1998. Traduzione italiana: Teoria dei quattro movimenti, Il nuovo mondo amoroso e altri scritti sul lavoro, l’educazione, l’architettura nella società d’Armonia, Einaudi 1971; Le Nouveau monde industriel, ou invention du procédé d’industrie attrayant et combinéè, distribuée en séries passionnées. Livres d’annonces (1830). Traduzione italiana: Il mondo delle passioni combinate ovvero Vita del Falansterio, Colombo 1947


Sigmund Freud, Un ricordo d’infanzia di Leonardo da Vinci (1910), Newton Compton 2005; Totem e Tabù (1913), Newton Compton 1990; L’avvenire di un’illusione (1927), Bollati Boringhieri 1990


Betty Friedan, The Feminine Mystique, Dell Publishing Co 1963


David Geary, Male, Female: The Evolution of Human Sex Differences, APA books 1998


Marija Gimbutas, Gods and Goddesses of old Europe, Bantam books 1974

Peter Gomez & Marco Travaglio, Inciucio, Rizzoli 2005


Antonio Gramsci, La costruzione del Partito Comunista (1923-1926 ), fuori catalogo; Quaderni dal carcere (1929-1935), fuori catalogo


Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto (1820), Laterza 1999


Thomas Hobbes, Leviatano (1651), Editori Riuniti 2005


T. H. Holmes & R. H. Rahe, Readjustment Rating Scale, Basic Books 1967


Carl Gustav Jung, L’io e l’inconscio (1929), Einaudi 1954; Conferenza su Il concetto di inconscio collettivo (1936), fuori catalogo


Immanuel Kant, La religione entro i limiti della sola ragione (1793), Laterza 2004

Emmanuel Levinas, Totalità e Infinito, Jaca Book 1980


Eleanor Maccoby & Carol Jacklin, Psychology of Sex Differences, Stanford University Press 1974


Corinne Maier, No Kid, quarante raisons de ne pas avoir d’enfant, Editions Michalon 2007


Bronislaw Kasper Malinowski, The Trobriand Islands (1915), American Ethnologist, Vol. 7, No. 4, 803-804. Nov., 1980; La vita sessuale nella Melanesia nord-occidentale(1929), R. Cortina 2005; il mito e il padre nella psicologia primitiva Newton Compton1976


Herbert Marcuse, L’autorità e la famiglia (1936), Einaudi 1982; Eros e civiltà (1964), Einaudi 2001


Elizabeth Marquardt, Between two worlds – the inner lives of children of divorce, Trade Paperback Three Rivers Press 2006


Karl Marx & Friedrich Engels, L’Ideologia Tedesca (1845), Editori Riuniti 2000; Manifesto del Partito Comunista (1848), Newton Compton 2005


Margaret Mead, Sex and Temperament in Three Primitive Societies, William Morrow and Company 1935


John Stuart Mill, The Subjection of Women (1869), eBooks@Adelaide 2004


Kate Millett Sexual Politics, Doubleday and Co 1970
Lewis Henry Morgan, Ancient Society, Henry Holt and Company 1877


Fabio Nestola, Il Pater Sapiens in Evoluzione, Fiore 2004; Perché i giudici non sono bambini, Fe.N.Bi. 2005


Friedrich Nietzsche, L’Anticristo (1888), Newton Compton 2003


Julien Offray , L’Histoire naturelle de l’âme (1745), Editions Sociales 1974; De la Volupté (1745), Rivages 2007; L’Art de jouir (1751), Rivages 2007


Erin Pizzey, The emotional terrorist ; the violence-prone, Paperback 1998


Adrienne Rich, Of Woman Born: Motherhood as Experience and Institution, Bantam Books 1977; Compulsory Heterosexuality and Lesbian Existence, Spinsters Ink 1979


Claudio Risé, Il Padre, l’assente inaccettabile, San Paolo 2003


Rossana Rossanda, Anche per me. Donna, persona, memoria dal 1973 al 1986, Feltrinelli 1986


Jean-Jacques Rousseau, Discours sur l’économie politique (1775), Editions Flammarion 1993


Bertrand Russell, On Education, especially in early childhood, Geo. Allen & Unwin Ltd.1926
Claude-Henri Saint-Simon, Le Nouveau Christianisme (1825), L’Aube 2006


Christina Hoff Sommers, Who Stole Feminism, Simon and Schuster 1994; The War Against Boys, Simon and Schuster 2001


Oswald Spengler, Il tramonto dell’Occidente (1918), Longanesi 1978


Paul Heinrich Thiry, Le Bon Sens, ou Idées naturelles opposées aux idées surnaturelles (1772). Traduzione italiana: Il buon senso, Garzanti 1985


Roberto Thomas & Maurizio Bruno, Provvedimenti a tutela dell’infanzia, Giuffré 1998


Elisabeth Tooker, Women in Iroquois Society, W.G. Spittal1984


Piero Zerboglio, Studi in memoria di G.B. Fumaioli, Giuffré1961


Luigi Zoia, Il gesto di Ettore, Bollati Boringhieri 2002


Mary Godwin Wollstonecraft, Vindication of the Rights of Woman (1792), Social Science 1992

QUOTIDIANI E RIVISTE:
Avvenire, 17/4/2007

Avvenire, 20/11/2007
Corriere della Sera, 19/1/1975
Corriere della Sera, 26/11/2001
Corriere della Sera, 19/8/2007
Daily Mail, 4/11/2006
Daily Mail, 31/1/2007
Donna moderna, riportato dall’Ansa il 27/12/2006
Il Foglio, 6/10/2005
Io Donna, 6/4/2002
Il Tempo, 15/8/2005
Il Tempo, 6/9/2005
La Presse, 23/7/2007
Le Monde, 26/1/1977
Liberazione, 24/11/2004

Libero, 12/4/2004
Libero, 16/3/2005
Rinascita, 12/3/1988
Rossoscuola, supplemento al n. 34 (1987)
The Sun, 17/3/2007
Rivolta Femminile, 1970
Rivolta Femminile, 1971
Collettivo di Lotta Femminista, documento 1972
Movimento Femminista Romano, documento 1973
Movimento Femminista Romano, documento 1974
Athenet, Università di Pisa, Paolo Bora 2006
Attualità in Psicologia, Volume 19, n. ¾ , Mario Andrea Salluzzo
Journal of Family Violence, volume 10, number 3, 1995, Daniel Ira Turkat

Link, Rivista scientifica di psicologia n. 10, settembre 2007, Separazione, libertà e bigenitorialità, Mario Andrea Salluzzo

Psychomedia, giugno 2005, Gaetano Giordano
Public Finance Rewiew, Catherine Eckel & Philip J. Grossman 2001


ALTRE FONTI:
La Bibbia
(Amidà), Diciotto Benedizioni
Sant’Agostino, Enarratio in Psalmum
De votis monasticis Martini Lutheri judicium
Giovanni Calvino, Christianae Religionis Institutio
Karol Wojtyla,Catechesi su Dio Padre (1999)
Benedetto XVI, Deus Caritas est (2005)
Discorso tenuto dal cardinale Angelo Sodano alla cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico della Pontificia Università Salesiana (ottobre 2005)
Atti Parlamentari -15405 – Camera dei Deputati, VII legislatura – Discussioni – seduta del 13/4/1978
Manifeste pour l’abolition de la prostitution, Quebec (29/6/2001)
Telefono Azzurro & Eurispes, III Rapporto Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, 2002
Rapporto dell’Osservatorio Eurispes, 2003

Eurispes, Rapporto Italia, 2007
Relazione annuale del Dipartimento Nazionale per le Politiche Antidroga, 2003
Comitato dei Ministri Europei, Raccomandazione R (98) 14 agli Stati membri sul gender mainstreaming
Corte di Cassazione, sentenza n. 15065 del 22/11/2000
Corte di Cassazione, sentenza n. 11488 del 7/9/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 11696 del 18/9/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 13766 del 7/11/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 4765 del 3/4/2002
Corte di Cassazione, sentenza n. 2640 del 21/2/2003
Corte di Cassazione, sentenza n. 22214 del 24/11/2004
Corte di Cassazione, sentenza n. 29232/2004
Corte di Cassazione, V sezione penale, sentenza n. 6430/2005
Corte di Cassazione, sentenza n. 6078 del 18/3/2006
Corte di Cassazione, sentenza n. 1610 del 24/01/2007
Corte di Cassazione, sentenza n. 27966 (2007)
Corte di Cassazione, sentenza n. 31451 (2007)
Corte Costituzionale, sentenza n. 171 (1994)
codice penale
codice civile
legge n. 898 del 1/12/1970
legge n. 151 del 19/5/1975
legge n. 405 del 29/7/1975
legge n. 194 del 22/5/1978
legge n. 184 del 4/5/1983
legge n. 127 del 15/5/1997
legge n. 154 del 4/4/2001
legge n. 54 dell’8/2/2006
http://www.adnkronos.com
http://www.arte-e-psiche.com
http://www.dirittoefamiglia.it
http://www.dirittominorile.it
http://www.fnsi.it
http://www.freesouls.org
http://www.madmoizelle.com
http://www.rai.it
http://www.treccani.it
www.womenews.net

PRIMO CAPITOLO

                                   LA FIGURA PATERNA NELLA MITOLOGIA

CAPITOLO PRIMO

E’ un turbinio d’immagini prive di senso quello che avvolge l’individuo prima della nascita delle civiltà.

Egli non conosce le ragioni della vita e della morte, del bene e del male; è immerso in un magma indefinito che necessita di comprensione.

La mitologia è il mezzo che offre all’uomo la possibilità d’interpretare e mettere ordine in una realtà che altrimenti gli sfuggirebbe di mano; serve per confermare il presente e per fornire la linfa vitale atta a inserirlo nella storia, senza perdersi nell’angoscia delle proprie origini, nell’ansia e nella paura del futuro.

I miti e i racconti epici sono lo strumento che l’uomo ha messo a punto per giungere al significato della propria esistenza e per esorcizzare il ritorno nel buio degli istinti disordinati. In questo universo mitologico, quale portatore del simbolo della relazione con la realtà, trova spazio il padre; a lui sono attribuiti i compiti di definire i significati utili alla sopravvivenza e di proteggere dalle insidie del mondo.

Quando la religione e la mitologia prendono forma i Greci sono appena usciti dal crepuscolo della loro preistoria e paventano il pericolo di tornare al periodo caratterizzato dalla leggenda delle Grandi Madri.

L’immagine mitica di un corpo materno che genera da sé, fantasma arcaico della partenogenesi femminile, caratterizza il tempo che si colloca prima della loro storia. Nei più antichi miti cosmogonici si ritrovano la babilonese Ti-Amat, le greche Nyx e Gea, dalle quali tutto trae origine senza intervento maschile. Il regno di queste divinità e della riproduzione presessuale, il loro potere di regolare la fecondità della terra, sono assimilati al caos primigenio.

I Greci non rilevano tra le qualità femminili la visione d’insieme necessaria a realizzare il progetto necessario a consolidare la loro civiltà, ma anzi vedono nelle donne il rischio di un regresso culturale. Ritengono che gli uomini siano mentalmente e fisicamente più adatti a confrontarsi con i problemi esterni alla casa, messi a rischio dall’irrazionalità delle donne. Considerano la sessualità femminile esclusivamente finalizzata all’attività riproduttiva; infatti questa concezione influenzerà la tradizione letteraria greca attraverso una serie di metafore che associano il corpo femminile ora alla terra, ora al solco, ora al forno.

Da quel periodo nasce l’eco della contesa tra i sessi intorno al potere generativo, che porta alla scomparsa della rappresentazione del desiderio femminile di autoriproduzione e alla nascita di un modello culturale dove la maternità si configura solo come accoglimento e accrescimento della prole.

La dimensione materna, peraltro, è la realtà di partenza da cui l’uomo deve prendere le distanze per diventare soggetto. Necessariamente egli deve porsi su un piano diverso da quello femminile per salvare la sua soggettività progettuale.

Se anche una sola generazione perde la sua capacità di trasmettere i risultati conseguiti e si ferma sul presente preclude all’intera comunità la strada dell’avvenire.

E’ per questa ragione che i Greci affidano alla maggiore razionalità patriarcale il disegno per proiettarsi verso il futuro e lasciano alle donne il compito di ospitare il loro seme per garantirsi la discendenza.

I figli non appartengono alle madri ma, già allo stato germinale della polis, sono considerati “proprietà” del padre, il solo che ha la capacità di generare e perpetuare la specie. L’enfasi che, nella Grecia antica, viene posta sulla vis generandi maschile si trova puntualmente in alcuni versi: “Non la madre, non lei produce il suo frutto: “figlio” è il suo nome. Solo, nutre il gonfio maturo del seme. Lui procrea, che d’impeto prende. Lei come ospite all’ospite: veglia sul giovane boccio, se un nume non lo strugge[1].

In quest’ottica può spiegarsi come la religione greca preveda, in quanto portatrice di spiccate doti materne, il solo culto della dea Demetra. Anche la vendetta di Medea, raccontata nell’omonima tragedia di Euripide, evidenzia quanta considerazione avessero i padri per la loro prole. Medea sa che i figli nati dal matrimonio con Giasone non sono un suo ktema, cioè un suo bene, ma un “bene” del padre. Quando viene ripudiata non accetta la sconfitta e sceglie il modo più atroce per riscattare la propria dignità e rispondere al tradimento. Mentre Giasone tenta di abbattere la porta della reggia per soccorrere i figli, nell’aria, sul carro del sole, gli appare Medea che ha con sé i cadaveri dei bambini e rovescia sull’ex marito parole di condanna e di odio.

Il personaggio mitologico, a volte anche nel sottile confine fra mitologia e storia, coltiva un attaccamento che può sfiorare il fanatismo nei confronti dei suoi fedeli strumenti di potere: una corona, un amuleto, uno scudo, una spada, un giavellotto, un mantello, un carro, un cavallo…. Il mito di Medea e Giasone contiene un simbolismo atipico ed estremamente forte. Medea, nel suo impeto di rabbia vendicativa, mette in atto la strategia ricorrente di colpire negli affetti il bersaglio del suo odio, privandolo di quanto egli ha di più caro, ma non prende in considerazione i simboli solitamente elevati a bene più prezioso, sceglie di uccidere i figli. Distruggendo qualunque altro simbolo Medea non avrebbe causato in Giasone una disperazione paragonabile alla perdita della prole. Giasone, infatti, travolto dal dolore, finirà per suicidarsi.

Anche se le funzioni mitiche hanno diverse rappresentazioni, c’è sempre una simmetria tra la sfera mitica e la sfera sociale.

Nell’antica Grecia è diffusa la mitologia degli eroi culturali e spesso il mito si confonde con la storia e con la stessa religione.

Al vertice del pantheon omerico c’è Zeus, che è padre degli dei e degli uomini, è il nume tutelare della casa, è il protettore del matrimonio e della famiglia. Affinché in Grecia si creasse l’ordine, dando alla famiglia un ruolo primario, Zeus diventa sposo di dee autoctone. Anche se alcune scuole di pensiero, con riferimento al simbolismo etico del valore della vita e della società, attribuiscono importanza alle caratteristiche di Zeus, la sua figura paterna è ricca di contraddizioni.

Per quanto, tra gli animali, gli sia sacra l’aquila e, tra le piante, la quercia, potenti simboli della genitorialità maschile, anche se è il padre per definizione, certe sue azioni non lo rendono un modello di genitore esemplare.

Nel mito greco si trovano eroi con cui è più facile identificarsi, padri che lasciano trapelare il loro amore e il loro dolore, che si propongono quali pilastri della loro famiglia.

In queste figure si percepiscono gli alti valore simbolici di padre-creatore, padre-custode, padre-educatore, padre-origine, padre-guida e padre-futuro.

La mitologia greca ci fa incontrare anche antichi sentimenti paterni, come quando ci narra del dolore e del conseguente suicidio di Egèo. Questi, congedandosi dal figlio, diretto a Creta, gli fece promettere che se fosse uscito vivo e vincitore dallo scontro con il Minotauro, sulla nave, già parata a lutto per il trasporto delle quattordici giovani vittime designate al mostro, avrebbe issato una bandiera bianca prima del suo ritorno. Teseo, con l’aiuto del filo di Arianna, poté uscire dal labirinto dopo aver ucciso il Minotauro; però, nella confusione successiva alla vittoria e agli eventi connessi, dimenticò la promessa fatta al padre Egèo, che tutte le mattine, dall’alto di una rocca, esplorava l’orizzonte; questi intravide da lontano che l’attesa nave era ancora tutta parata a lutto e, preso dalla disperazione, non volendo sopravvivere al figlio, si gettò nel mare che ancora oggi porta il suo nome.

La storia relativa al volo di Dedalo e Icaro ci parla invece di apprensioni e di consigli paterni inascoltati. Dedalo, grazie al suo mirabile ingegno, per sfuggire a Minosse, riuscì a costruire delle ali con penne e cera. “Vola a mezza altezza, mi raccomando, in modo che abbassandoti troppo l’umidità non appesantisca le penne o troppo in alto non le bruci il sole. Vola tra l’una e l’altro e, ti avverto, non distrarti a guardare Boote o Èlice e neppure la spada sguainata di Orìone: vienimi dietro, ti farò da guida[2], diceva al figlio prima di salire insieme verso il cielo. Ma Icaro, inebriato da quel magico volo, innalzatosi troppo, forse intravedendo già invitanti terre lontane, finirà per far sciogliere le sue ali al calore del sole e precipitare miseramente.

Nella tradizione greca troviamo padri che riescono a trasmettere ai figli il loro sapere e la loro stessa professione.

Esculapio, un medico vissuto ai tempi della guerra di Troia, era un pioniere dell’ars medica, famoso anche oltre i confini della sua patria. I figli, Podalirio e Macaone, il primo medico e l’altro chirurgo, fecero tesoro dei suoi insegnamenti, trasformandoli in un vero culto che si diffuse in tutta la Grecia e nell’Asia Minore.

C’è poi l’indovino Melampo, che riesce a trasmettere le stesse facoltà a tutti i suoi figli.   

Ci sono i dodici figli di Eolo che, quale esempio di solidarietà familiare, convivono nella casa paterna.

Nell’Eneide troviamo la figura di Enea che, pur non amando la guerra, finisce per combattere anche per la sua seconda patria, rispetta gli dei e le leggi, ama la propria famiglia e affronta la vita con spiccato senso di responsabilità. Tra lui e il padre esiste un legame quasi simbiotico. L’incendio di Troia spinge Enea e Anchise a fuggire verso l’Italia. Durante il viaggio Anchise muore, ma con la morte non cessa la sua funzione di padre-guida. Diventerà per il figlio una sorte di nume tutelare che, in svariate occasioni, apparirà a Enea predicendo gli avvenimenti futuri.

Nei poemi omerici si trovano personaggi come Ettore, la cui figura di padre ci appartiene, così come per secoli c’è stata tramandata dalla storia. Ettore, reduce dal campo di battaglia, ancora vestito di armi, per non turbare il figlio Astianatte, si toglie l’Elmo, si china a prendere in braccio il bambino ed elevandolo verso il cielo, rivolge a Zeus la preghiera di renderlo più forte del padre.

E’ con il mitico eroe che in alcuni versi si coglie anche l’intimo sentimento della famiglia. Ettore, dopo un cruento scontro, che ha visto numerosi caduti tra le sue file, si avvia sulla strada che lo riconduce a casa. Lungo il tragitto si radunano intorno a lui tutti i familiari dei combattenti: “Al faggio intanto delle porte Scee Ettore giunge. Gli si fanno intorno le troiane consorti e le fanciulle per saper de’ figliuoli e de’ mariti e de’ fratelli e degli amici; ed egli, Ite, risponde, a supplicar gli Dei in devota ordinanza, itene tutte, ch’oggi a molte sovrasta alta sciagura. De’ regali palagi indi s’avvìa ai portici superbi (…) Qui giunto Ettore, ad incontrarlo corse l’inclita madre che a trovar sen gìa Laodice, la più delle sue figlie avvenente e gentil. Chiamollo a nome, e strettolo per mano: O figlio, disse, perché, lasciato il guerreggiar, qua vieni (…)[3].

Ritroviamo una componente quasi materna in Fenice, padre putativo del mitico Achille. Questi, rimasto senza la sua fedele schiava Briseide, indebitamente pretesa come risarcimento da Agamennone, decide di non scendere più sul campo di battaglia e manifesta l’intenzione di tornarsene in patria. Le eccessive perdite dei Greci, ad opera dei guerrieri troiani, dovute all’assenza di Achille, spingeranno una delegazione, di cui fa parte lo stesso Fenice, a recarsi presso l’eroe per sollecitarne il ripensamento. La determinazione e il successivo diniego di Achille indurranno poi lo stesso padre a condividerne solidariamente la scelta. Durante la fase iniziale dell’incontro, Fenice sollecita il figlio a rientrare nei ranghi, parlandogli della sua infanzia: “Son io, divino Achille, io mi son quegli che ti crebbi qual sei, che caramente t’amai; né tu volevi bambinello ir con altri alla mensa, né vivanda domestica gustar, ov’ io non pria adagiato t’avessi e carezzato su’ miei ginocchi, minuzzando il cibo, e porgendo la beva che dal labbro infantil traboccando a me sovente irrigava sul petto il vestimento. Così molto soffersi a tua cagione, e consolava le mie pene il dolce pensier che, i numi a me negando un figlio generato da me, tu mi saresti tal per amore divenuto, e tale m’avresti salvo un dì da ria sciagura Doma dunque, cor mio, doma l’altero tuo spirto: disconviene una spietata anima a te che rassomigli i numi”[4].

Leggiamo il dolore del re troiano Priamo che, mettendo a repentaglio la sua stessa vita, si reca nell’accampamento di Achille per reclamare la salma dell’amato figlio Ettore: “Per lui supplice io vegno, ed infiniti doni ti reco a riscattarlo, Achille! Abbi ai numi rispetto, abbi pietade di me: ricorda il padre tuo: deh! Pensa ch’io mi sono più misero, io che soffro disventura che mai altro mortale non soffrì, supplicante alla mia bocca la man premendo che i miei figli uccise. A queste voci intenerito Achille, membrando il genitor, proruppe in pianto, e preso il vecchio per la man, scostollo dolcemente. Piangea questi il perduto Ettorre ai piè dell’uccisore, e quegli or il padre, or l’amico, e risonava di gemiti la stanza. Alfin satollo di lagrime il Pelìde, e ritornati tranquilli i sensi, si rizzò dal seggio, e colla destra sollevò il cadente veglio, il bianco suo crin commiserando ed il mento canuto[5].

Anche la vicenda di Ulisse assume un particolare significato. Finita la guerra di Troia, l’eroe si accinge a fare ritorno nella sua Itaca, ma il viaggio intrapreso verso casa è costellato da innumerevoli peripezie. Durante gli anni in cui Ulisse resta lontano, la sua reggia diventa dimora dei Proci, il padre Laerte si consuma nel dolore e il figlio Telemaco è seriamente preoccupato per la sorte del padre. Telemaco non si rassegna alla lunga attesa e decide di andare alla ricerca di Ulisse.

Così viene descritta la partenza di Telemaco che, dopo avere atteso tanti anni il ritorno di suo padre, ormai giovinetto, si mette alla testa di una nave e parte per andare a ritrovarlo: “Tacque, e loro entrò innanzi; e quelli dietro teneangli. Indi con l’anfore e con gli otri, come d’Ulisse il caro figlio ingiunse, tornaro, e il carco nella salda nave deposero. Il garzon sopra vi salse, preceduto da Pallade, che in poppa s’assise; accanto ei le sedea: la fune I remiganti sciolsero, e montàro la negra nave anch’essi, e i banchi empiero. Tosto la dea dalle cerulee luci chiamò di verso l’occidente un vento destro, gagliardo, che battendo venne su pel tremulo mar l’ale sonanti. “Mano, mano agli attrezzi”, allor gridava Telemaco: “ov’è l’albero?” I compagni l’udiro, e il grosso e lungo abete in alto drizzaro, e l’impiantaro entro la cava base, e di corda l’annodaro al piede; poi tiravano in su le bianche vele, con bene attorti cuoi. Gonfiò nel mezzo le vele il vento; e forte alla carena l’azzurro mar romoreggiava intorno, mentre la nave sino al fin del corso su l’elemento liquido volava. Legati i remi del naviglio ai fianchi, incoronaro di vin maschio l’urne, e a ciascun degli dèi sempre viventi libaro, ma più a te, figlia di Giove, che le pupille di cilestro tingi. Il naviglio correa la notte intera, e del suo corso al fin giungea con l’alba[6].

La mitologia e la letteratura ad essa ispirata lasciano intravedere le tante possibilità di significato che può assumere la figura paterna. La storia recente e le immagini incomposte di una società complessa, deprivata di qualunque dimensione sacrale, ci parlano della crisi di ruolo che sta attraversando il padre.


[1] Eschilo, Eumenidi, episodio IV

[2] Ovidio, Metamorfosi, libro VIII

[3] Omero, Iliade, libro VI

[4] ivi, libro IX

[5] ivi, libro XXIV

[6] Omero, Odissea, libro II

PREFAZIONE A

                                     SULLE ORME DEL PADRE

                     attraversando il ‘68 e gli anni del pensiero

                                  

                                              PREFAZIONE

 

Il soffio del padre ha garantito nello scorrere dei secoli lo sviluppo armonico di tutti i membri della famiglia, il suo alito ha spinto il figlio ad andare più lontano, lo ha spinto e sostenuto  nell’abbandonare lo stato del puer aeternum per aprirsi consapevolmente alla vita e divenire adulto.

Oggi lo spirito del padre è vacillante, le sue orme si stanno perdendo, la genitorialità è sostenuta come binomio madre-figli; il padre è divenuto altro.

Un elemento estraneo? Un nemico da combattere? Un pericolo da isolare? Un ruolo minore da circoscrivere?

Antonio Bertinelli prende il lettore per mano e lo accompagna in un percorso di analisi critica che ricostruisce il panorama storico e politico, prende in esame scenari nazionali ed internazionali, espone le cause del malcostume e della piaggeria, denuncia la lenta ma inesorabile costruzione di un nuovo immaginario collettivo.

Il quadro che ne risulta è allarmante, ed ha il peggiore dei difetti immaginabili per tutti coloro che, privi di qualunque remora, si sono arrogati il compito di addormentare le coscienze.

 E’ reale, è drammaticamente reale.

                                                                                                                  Fabio Nestola