BIBLIOGRAFIA

                                                                                 BIBLIOGRAFIA

OPERE ANTICHE:
Aristotele, Etica a Nicomaco
Cicerone, De Republica
Dante, De Monarchia
Eschilo, Eumenidi
Omero, Iliade; Odissea
Ovidio, Metamorfosi
Platone, La Repubblica
Rufo Musonio, Diatribe

ALTRE OPERE:
Solomon E. Asch, Social Psychology (1948). Traduzione italiana: Psicologia sociale, SEI 1989


Johann Jakob Bachofen, Das Mutterrecht (1861).

Traduzione italiana: Il Matriarcato, Einaudi 1988


Élisabeth Badinter, Fausse Route, Odile Jacob 2003


Henry Biller, Paternal Deprivation: Family, School, Sexuality, and Society , Lexington Books 1974; Fathers and Families: Paternal Factors in Child Development, Auburn House 1993

Yvon Dallaire, La violence faite aux hommes, Une réalité taboue et complexe, Option Santé, 2002


Simone de Beauvoir, Deuxieme Sexe (1949). Traduzione italiana: Il secondo sesso, Il Saggiatore 2002

Louis de Bonald, Législation primitive (1802). Place Jean Mich 1997


Gisela Bock, Le donne nella storia europea, dal Medioevo ai nostri giorni, Laterza 2003


Judith Butler, Gender Trouble: Feminism and the Subversion of Identity, Routledge 1990; Undoing Gender, Routledge 2004


Sanford Braver, Ross D. Parke & Armin Brott, Throwaway Dads: The Myths and Barriers That Keep Men from Being the Fathers They Want to Be, Houghton Mifflin, 1999


Augusto Cortelloni, Pedofilia & Satanismo: Risorge l’Inquisizione. Quel Pasticciaccio della Bassa Modenese (2000), fuori catalogo. Il libro è accessibile sul sito http://www.falsiabusi.it/ documenti/Cortelloni _Augusto.pdf


Emilia Costa, Cervello, linguaggio, pensiero. Comportamento femminile e comportamento maschile, CIC Edizioni Internazionali 2003


David Cooper, The Death of the Family, Pantheon Books 1970


Mary Daly, The Church and the Second Sex, Harper & Row 1968; Beyond God the Father,Toward a Philosophy of Women’s, Women’s Press 1973


Jean Delumeau, Il peccato e la paura, l’idea di colpa in Occidente dal Xlll al XVIII secolo, Il Mulino 1987
Georges Jacques Danton, Sur l’instruction gratuite et obligatoire (1793), fuori catalogo. Les Discours Civiques de Danton sono accessibili sul sito www.politique.com/livres/base-indispensables/politique/discours_civiques_danton.pdf


Warren Farrell, Why Men Are The Way They Are, Berkley Publishing Group 1988; The Myth of Male Power: Why Men Are The Disposable Sex, Simon & Schuster 1993


Elio Fazzalari, Vittorio Denti & Giuseppe De Luca, Francesco Carnelutti a trent’anni dalla scomparsa, Forum Editrice Universitaria Udinese 1996


Gaetano Filangieri Riflessioni politiche sull’ultima legge del nostro Sovrano che riguarda la riforma dell’amministrazione della giustizia (1774), fuori catalogo


Charles Fourier,Théorie des quatre mouvements et des destinées générales (1808). Presses du Réel 1998. Traduzione italiana: Teoria dei quattro movimenti, Il nuovo mondo amoroso e altri scritti sul lavoro, l’educazione, l’architettura nella società d’Armonia, Einaudi 1971; Le Nouveau monde industriel, ou invention du procédé d’industrie attrayant et combinéè, distribuée en séries passionnées. Livres d’annonces (1830). Traduzione italiana: Il mondo delle passioni combinate ovvero Vita del Falansterio, Colombo 1947


Sigmund Freud, Un ricordo d’infanzia di Leonardo da Vinci (1910), Newton Compton 2005; Totem e Tabù (1913), Newton Compton 1990; L’avvenire di un’illusione (1927), Bollati Boringhieri 1990


Betty Friedan, The Feminine Mystique, Dell Publishing Co 1963


David Geary, Male, Female: The Evolution of Human Sex Differences, APA books 1998


Marija Gimbutas, Gods and Goddesses of old Europe, Bantam books 1974

Peter Gomez & Marco Travaglio, Inciucio, Rizzoli 2005


Antonio Gramsci, La costruzione del Partito Comunista (1923-1926 ), fuori catalogo; Quaderni dal carcere (1929-1935), fuori catalogo


Georg Wilhelm Friedrich Hegel, Lineamenti di filosofia del diritto (1820), Laterza 1999


Thomas Hobbes, Leviatano (1651), Editori Riuniti 2005


T. H. Holmes & R. H. Rahe, Readjustment Rating Scale, Basic Books 1967


Carl Gustav Jung, L’io e l’inconscio (1929), Einaudi 1954; Conferenza su Il concetto di inconscio collettivo (1936), fuori catalogo


Immanuel Kant, La religione entro i limiti della sola ragione (1793), Laterza 2004

Emmanuel Levinas, Totalità e Infinito, Jaca Book 1980


Eleanor Maccoby & Carol Jacklin, Psychology of Sex Differences, Stanford University Press 1974


Corinne Maier, No Kid, quarante raisons de ne pas avoir d’enfant, Editions Michalon 2007


Bronislaw Kasper Malinowski, The Trobriand Islands (1915), American Ethnologist, Vol. 7, No. 4, 803-804. Nov., 1980; La vita sessuale nella Melanesia nord-occidentale(1929), R. Cortina 2005; il mito e il padre nella psicologia primitiva Newton Compton1976


Herbert Marcuse, L’autorità e la famiglia (1936), Einaudi 1982; Eros e civiltà (1964), Einaudi 2001


Elizabeth Marquardt, Between two worlds – the inner lives of children of divorce, Trade Paperback Three Rivers Press 2006


Karl Marx & Friedrich Engels, L’Ideologia Tedesca (1845), Editori Riuniti 2000; Manifesto del Partito Comunista (1848), Newton Compton 2005


Margaret Mead, Sex and Temperament in Three Primitive Societies, William Morrow and Company 1935


John Stuart Mill, The Subjection of Women (1869), eBooks@Adelaide 2004


Kate Millett Sexual Politics, Doubleday and Co 1970
Lewis Henry Morgan, Ancient Society, Henry Holt and Company 1877


Fabio Nestola, Il Pater Sapiens in Evoluzione, Fiore 2004; Perché i giudici non sono bambini, Fe.N.Bi. 2005


Friedrich Nietzsche, L’Anticristo (1888), Newton Compton 2003


Julien Offray , L’Histoire naturelle de l’âme (1745), Editions Sociales 1974; De la Volupté (1745), Rivages 2007; L’Art de jouir (1751), Rivages 2007


Erin Pizzey, The emotional terrorist ; the violence-prone, Paperback 1998


Adrienne Rich, Of Woman Born: Motherhood as Experience and Institution, Bantam Books 1977; Compulsory Heterosexuality and Lesbian Existence, Spinsters Ink 1979


Claudio Risé, Il Padre, l’assente inaccettabile, San Paolo 2003


Rossana Rossanda, Anche per me. Donna, persona, memoria dal 1973 al 1986, Feltrinelli 1986


Jean-Jacques Rousseau, Discours sur l’économie politique (1775), Editions Flammarion 1993


Bertrand Russell, On Education, especially in early childhood, Geo. Allen & Unwin Ltd.1926
Claude-Henri Saint-Simon, Le Nouveau Christianisme (1825), L’Aube 2006


Christina Hoff Sommers, Who Stole Feminism, Simon and Schuster 1994; The War Against Boys, Simon and Schuster 2001


Oswald Spengler, Il tramonto dell’Occidente (1918), Longanesi 1978


Paul Heinrich Thiry, Le Bon Sens, ou Idées naturelles opposées aux idées surnaturelles (1772). Traduzione italiana: Il buon senso, Garzanti 1985


Roberto Thomas & Maurizio Bruno, Provvedimenti a tutela dell’infanzia, Giuffré 1998


Elisabeth Tooker, Women in Iroquois Society, W.G. Spittal1984


Piero Zerboglio, Studi in memoria di G.B. Fumaioli, Giuffré1961


Luigi Zoia, Il gesto di Ettore, Bollati Boringhieri 2002


Mary Godwin Wollstonecraft, Vindication of the Rights of Woman (1792), Social Science 1992

QUOTIDIANI E RIVISTE:
Avvenire, 17/4/2007

Avvenire, 20/11/2007
Corriere della Sera, 19/1/1975
Corriere della Sera, 26/11/2001
Corriere della Sera, 19/8/2007
Daily Mail, 4/11/2006
Daily Mail, 31/1/2007
Donna moderna, riportato dall’Ansa il 27/12/2006
Il Foglio, 6/10/2005
Io Donna, 6/4/2002
Il Tempo, 15/8/2005
Il Tempo, 6/9/2005
La Presse, 23/7/2007
Le Monde, 26/1/1977
Liberazione, 24/11/2004

Libero, 12/4/2004
Libero, 16/3/2005
Rinascita, 12/3/1988
Rossoscuola, supplemento al n. 34 (1987)
The Sun, 17/3/2007
Rivolta Femminile, 1970
Rivolta Femminile, 1971
Collettivo di Lotta Femminista, documento 1972
Movimento Femminista Romano, documento 1973
Movimento Femminista Romano, documento 1974
Athenet, Università di Pisa, Paolo Bora 2006
Attualità in Psicologia, Volume 19, n. ¾ , Mario Andrea Salluzzo
Journal of Family Violence, volume 10, number 3, 1995, Daniel Ira Turkat

Link, Rivista scientifica di psicologia n. 10, settembre 2007, Separazione, libertà e bigenitorialità, Mario Andrea Salluzzo

Psychomedia, giugno 2005, Gaetano Giordano
Public Finance Rewiew, Catherine Eckel & Philip J. Grossman 2001


ALTRE FONTI:
La Bibbia
(Amidà), Diciotto Benedizioni
Sant’Agostino, Enarratio in Psalmum
De votis monasticis Martini Lutheri judicium
Giovanni Calvino, Christianae Religionis Institutio
Karol Wojtyla,Catechesi su Dio Padre (1999)
Benedetto XVI, Deus Caritas est (2005)
Discorso tenuto dal cardinale Angelo Sodano alla cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico della Pontificia Università Salesiana (ottobre 2005)
Atti Parlamentari -15405 – Camera dei Deputati, VII legislatura – Discussioni – seduta del 13/4/1978
Manifeste pour l’abolition de la prostitution, Quebec (29/6/2001)
Telefono Azzurro & Eurispes, III Rapporto Nazionale sulla Condizione dell’Infanzia e dell’Adolescenza, 2002
Rapporto dell’Osservatorio Eurispes, 2003

Eurispes, Rapporto Italia, 2007
Relazione annuale del Dipartimento Nazionale per le Politiche Antidroga, 2003
Comitato dei Ministri Europei, Raccomandazione R (98) 14 agli Stati membri sul gender mainstreaming
Corte di Cassazione, sentenza n. 15065 del 22/11/2000
Corte di Cassazione, sentenza n. 11488 del 7/9/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 11696 del 18/9/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 13766 del 7/11/2001
Corte di Cassazione, sentenza n. 4765 del 3/4/2002
Corte di Cassazione, sentenza n. 2640 del 21/2/2003
Corte di Cassazione, sentenza n. 22214 del 24/11/2004
Corte di Cassazione, sentenza n. 29232/2004
Corte di Cassazione, V sezione penale, sentenza n. 6430/2005
Corte di Cassazione, sentenza n. 6078 del 18/3/2006
Corte di Cassazione, sentenza n. 1610 del 24/01/2007
Corte di Cassazione, sentenza n. 27966 (2007)
Corte di Cassazione, sentenza n. 31451 (2007)
Corte Costituzionale, sentenza n. 171 (1994)
codice penale
codice civile
legge n. 898 del 1/12/1970
legge n. 151 del 19/5/1975
legge n. 405 del 29/7/1975
legge n. 194 del 22/5/1978
legge n. 184 del 4/5/1983
legge n. 127 del 15/5/1997
legge n. 154 del 4/4/2001
legge n. 54 dell’8/2/2006
http://www.adnkronos.com
http://www.arte-e-psiche.com
http://www.dirittoefamiglia.it
http://www.dirittominorile.it
http://www.fnsi.it
http://www.freesouls.org
http://www.madmoizelle.com
http://www.rai.it
http://www.treccani.it
www.womenews.net

PRIMO CAPITOLO

                                   LA FIGURA PATERNA NELLA MITOLOGIA

CAPITOLO PRIMO

E’ un turbinio d’immagini prive di senso quello che avvolge l’individuo prima della nascita delle civiltà.

Egli non conosce le ragioni della vita e della morte, del bene e del male; è immerso in un magma indefinito che necessita di comprensione.

La mitologia è il mezzo che offre all’uomo la possibilità d’interpretare e mettere ordine in una realtà che altrimenti gli sfuggirebbe di mano; serve per confermare il presente e per fornire la linfa vitale atta a inserirlo nella storia, senza perdersi nell’angoscia delle proprie origini, nell’ansia e nella paura del futuro.

I miti e i racconti epici sono lo strumento che l’uomo ha messo a punto per giungere al significato della propria esistenza e per esorcizzare il ritorno nel buio degli istinti disordinati. In questo universo mitologico, quale portatore del simbolo della relazione con la realtà, trova spazio il padre; a lui sono attribuiti i compiti di definire i significati utili alla sopravvivenza e di proteggere dalle insidie del mondo.

Quando la religione e la mitologia prendono forma i Greci sono appena usciti dal crepuscolo della loro preistoria e paventano il pericolo di tornare al periodo caratterizzato dalla leggenda delle Grandi Madri.

L’immagine mitica di un corpo materno che genera da sé, fantasma arcaico della partenogenesi femminile, caratterizza il tempo che si colloca prima della loro storia. Nei più antichi miti cosmogonici si ritrovano la babilonese Ti-Amat, le greche Nyx e Gea, dalle quali tutto trae origine senza intervento maschile. Il regno di queste divinità e della riproduzione presessuale, il loro potere di regolare la fecondità della terra, sono assimilati al caos primigenio.

I Greci non rilevano tra le qualità femminili la visione d’insieme necessaria a realizzare il progetto necessario a consolidare la loro civiltà, ma anzi vedono nelle donne il rischio di un regresso culturale. Ritengono che gli uomini siano mentalmente e fisicamente più adatti a confrontarsi con i problemi esterni alla casa, messi a rischio dall’irrazionalità delle donne. Considerano la sessualità femminile esclusivamente finalizzata all’attività riproduttiva; infatti questa concezione influenzerà la tradizione letteraria greca attraverso una serie di metafore che associano il corpo femminile ora alla terra, ora al solco, ora al forno.

Da quel periodo nasce l’eco della contesa tra i sessi intorno al potere generativo, che porta alla scomparsa della rappresentazione del desiderio femminile di autoriproduzione e alla nascita di un modello culturale dove la maternità si configura solo come accoglimento e accrescimento della prole.

La dimensione materna, peraltro, è la realtà di partenza da cui l’uomo deve prendere le distanze per diventare soggetto. Necessariamente egli deve porsi su un piano diverso da quello femminile per salvare la sua soggettività progettuale.

Se anche una sola generazione perde la sua capacità di trasmettere i risultati conseguiti e si ferma sul presente preclude all’intera comunità la strada dell’avvenire.

E’ per questa ragione che i Greci affidano alla maggiore razionalità patriarcale il disegno per proiettarsi verso il futuro e lasciano alle donne il compito di ospitare il loro seme per garantirsi la discendenza.

I figli non appartengono alle madri ma, già allo stato germinale della polis, sono considerati “proprietà” del padre, il solo che ha la capacità di generare e perpetuare la specie. L’enfasi che, nella Grecia antica, viene posta sulla vis generandi maschile si trova puntualmente in alcuni versi: “Non la madre, non lei produce il suo frutto: “figlio” è il suo nome. Solo, nutre il gonfio maturo del seme. Lui procrea, che d’impeto prende. Lei come ospite all’ospite: veglia sul giovane boccio, se un nume non lo strugge[1].

In quest’ottica può spiegarsi come la religione greca preveda, in quanto portatrice di spiccate doti materne, il solo culto della dea Demetra. Anche la vendetta di Medea, raccontata nell’omonima tragedia di Euripide, evidenzia quanta considerazione avessero i padri per la loro prole. Medea sa che i figli nati dal matrimonio con Giasone non sono un suo ktema, cioè un suo bene, ma un “bene” del padre. Quando viene ripudiata non accetta la sconfitta e sceglie il modo più atroce per riscattare la propria dignità e rispondere al tradimento. Mentre Giasone tenta di abbattere la porta della reggia per soccorrere i figli, nell’aria, sul carro del sole, gli appare Medea che ha con sé i cadaveri dei bambini e rovescia sull’ex marito parole di condanna e di odio.

Il personaggio mitologico, a volte anche nel sottile confine fra mitologia e storia, coltiva un attaccamento che può sfiorare il fanatismo nei confronti dei suoi fedeli strumenti di potere: una corona, un amuleto, uno scudo, una spada, un giavellotto, un mantello, un carro, un cavallo…. Il mito di Medea e Giasone contiene un simbolismo atipico ed estremamente forte. Medea, nel suo impeto di rabbia vendicativa, mette in atto la strategia ricorrente di colpire negli affetti il bersaglio del suo odio, privandolo di quanto egli ha di più caro, ma non prende in considerazione i simboli solitamente elevati a bene più prezioso, sceglie di uccidere i figli. Distruggendo qualunque altro simbolo Medea non avrebbe causato in Giasone una disperazione paragonabile alla perdita della prole. Giasone, infatti, travolto dal dolore, finirà per suicidarsi.

Anche se le funzioni mitiche hanno diverse rappresentazioni, c’è sempre una simmetria tra la sfera mitica e la sfera sociale.

Nell’antica Grecia è diffusa la mitologia degli eroi culturali e spesso il mito si confonde con la storia e con la stessa religione.

Al vertice del pantheon omerico c’è Zeus, che è padre degli dei e degli uomini, è il nume tutelare della casa, è il protettore del matrimonio e della famiglia. Affinché in Grecia si creasse l’ordine, dando alla famiglia un ruolo primario, Zeus diventa sposo di dee autoctone. Anche se alcune scuole di pensiero, con riferimento al simbolismo etico del valore della vita e della società, attribuiscono importanza alle caratteristiche di Zeus, la sua figura paterna è ricca di contraddizioni.

Per quanto, tra gli animali, gli sia sacra l’aquila e, tra le piante, la quercia, potenti simboli della genitorialità maschile, anche se è il padre per definizione, certe sue azioni non lo rendono un modello di genitore esemplare.

Nel mito greco si trovano eroi con cui è più facile identificarsi, padri che lasciano trapelare il loro amore e il loro dolore, che si propongono quali pilastri della loro famiglia.

In queste figure si percepiscono gli alti valore simbolici di padre-creatore, padre-custode, padre-educatore, padre-origine, padre-guida e padre-futuro.

La mitologia greca ci fa incontrare anche antichi sentimenti paterni, come quando ci narra del dolore e del conseguente suicidio di Egèo. Questi, congedandosi dal figlio, diretto a Creta, gli fece promettere che se fosse uscito vivo e vincitore dallo scontro con il Minotauro, sulla nave, già parata a lutto per il trasporto delle quattordici giovani vittime designate al mostro, avrebbe issato una bandiera bianca prima del suo ritorno. Teseo, con l’aiuto del filo di Arianna, poté uscire dal labirinto dopo aver ucciso il Minotauro; però, nella confusione successiva alla vittoria e agli eventi connessi, dimenticò la promessa fatta al padre Egèo, che tutte le mattine, dall’alto di una rocca, esplorava l’orizzonte; questi intravide da lontano che l’attesa nave era ancora tutta parata a lutto e, preso dalla disperazione, non volendo sopravvivere al figlio, si gettò nel mare che ancora oggi porta il suo nome.

La storia relativa al volo di Dedalo e Icaro ci parla invece di apprensioni e di consigli paterni inascoltati. Dedalo, grazie al suo mirabile ingegno, per sfuggire a Minosse, riuscì a costruire delle ali con penne e cera. “Vola a mezza altezza, mi raccomando, in modo che abbassandoti troppo l’umidità non appesantisca le penne o troppo in alto non le bruci il sole. Vola tra l’una e l’altro e, ti avverto, non distrarti a guardare Boote o Èlice e neppure la spada sguainata di Orìone: vienimi dietro, ti farò da guida[2], diceva al figlio prima di salire insieme verso il cielo. Ma Icaro, inebriato da quel magico volo, innalzatosi troppo, forse intravedendo già invitanti terre lontane, finirà per far sciogliere le sue ali al calore del sole e precipitare miseramente.

Nella tradizione greca troviamo padri che riescono a trasmettere ai figli il loro sapere e la loro stessa professione.

Esculapio, un medico vissuto ai tempi della guerra di Troia, era un pioniere dell’ars medica, famoso anche oltre i confini della sua patria. I figli, Podalirio e Macaone, il primo medico e l’altro chirurgo, fecero tesoro dei suoi insegnamenti, trasformandoli in un vero culto che si diffuse in tutta la Grecia e nell’Asia Minore.

C’è poi l’indovino Melampo, che riesce a trasmettere le stesse facoltà a tutti i suoi figli.   

Ci sono i dodici figli di Eolo che, quale esempio di solidarietà familiare, convivono nella casa paterna.

Nell’Eneide troviamo la figura di Enea che, pur non amando la guerra, finisce per combattere anche per la sua seconda patria, rispetta gli dei e le leggi, ama la propria famiglia e affronta la vita con spiccato senso di responsabilità. Tra lui e il padre esiste un legame quasi simbiotico. L’incendio di Troia spinge Enea e Anchise a fuggire verso l’Italia. Durante il viaggio Anchise muore, ma con la morte non cessa la sua funzione di padre-guida. Diventerà per il figlio una sorte di nume tutelare che, in svariate occasioni, apparirà a Enea predicendo gli avvenimenti futuri.

Nei poemi omerici si trovano personaggi come Ettore, la cui figura di padre ci appartiene, così come per secoli c’è stata tramandata dalla storia. Ettore, reduce dal campo di battaglia, ancora vestito di armi, per non turbare il figlio Astianatte, si toglie l’Elmo, si china a prendere in braccio il bambino ed elevandolo verso il cielo, rivolge a Zeus la preghiera di renderlo più forte del padre.

E’ con il mitico eroe che in alcuni versi si coglie anche l’intimo sentimento della famiglia. Ettore, dopo un cruento scontro, che ha visto numerosi caduti tra le sue file, si avvia sulla strada che lo riconduce a casa. Lungo il tragitto si radunano intorno a lui tutti i familiari dei combattenti: “Al faggio intanto delle porte Scee Ettore giunge. Gli si fanno intorno le troiane consorti e le fanciulle per saper de’ figliuoli e de’ mariti e de’ fratelli e degli amici; ed egli, Ite, risponde, a supplicar gli Dei in devota ordinanza, itene tutte, ch’oggi a molte sovrasta alta sciagura. De’ regali palagi indi s’avvìa ai portici superbi (…) Qui giunto Ettore, ad incontrarlo corse l’inclita madre che a trovar sen gìa Laodice, la più delle sue figlie avvenente e gentil. Chiamollo a nome, e strettolo per mano: O figlio, disse, perché, lasciato il guerreggiar, qua vieni (…)[3].

Ritroviamo una componente quasi materna in Fenice, padre putativo del mitico Achille. Questi, rimasto senza la sua fedele schiava Briseide, indebitamente pretesa come risarcimento da Agamennone, decide di non scendere più sul campo di battaglia e manifesta l’intenzione di tornarsene in patria. Le eccessive perdite dei Greci, ad opera dei guerrieri troiani, dovute all’assenza di Achille, spingeranno una delegazione, di cui fa parte lo stesso Fenice, a recarsi presso l’eroe per sollecitarne il ripensamento. La determinazione e il successivo diniego di Achille indurranno poi lo stesso padre a condividerne solidariamente la scelta. Durante la fase iniziale dell’incontro, Fenice sollecita il figlio a rientrare nei ranghi, parlandogli della sua infanzia: “Son io, divino Achille, io mi son quegli che ti crebbi qual sei, che caramente t’amai; né tu volevi bambinello ir con altri alla mensa, né vivanda domestica gustar, ov’ io non pria adagiato t’avessi e carezzato su’ miei ginocchi, minuzzando il cibo, e porgendo la beva che dal labbro infantil traboccando a me sovente irrigava sul petto il vestimento. Così molto soffersi a tua cagione, e consolava le mie pene il dolce pensier che, i numi a me negando un figlio generato da me, tu mi saresti tal per amore divenuto, e tale m’avresti salvo un dì da ria sciagura Doma dunque, cor mio, doma l’altero tuo spirto: disconviene una spietata anima a te che rassomigli i numi”[4].

Leggiamo il dolore del re troiano Priamo che, mettendo a repentaglio la sua stessa vita, si reca nell’accampamento di Achille per reclamare la salma dell’amato figlio Ettore: “Per lui supplice io vegno, ed infiniti doni ti reco a riscattarlo, Achille! Abbi ai numi rispetto, abbi pietade di me: ricorda il padre tuo: deh! Pensa ch’io mi sono più misero, io che soffro disventura che mai altro mortale non soffrì, supplicante alla mia bocca la man premendo che i miei figli uccise. A queste voci intenerito Achille, membrando il genitor, proruppe in pianto, e preso il vecchio per la man, scostollo dolcemente. Piangea questi il perduto Ettorre ai piè dell’uccisore, e quegli or il padre, or l’amico, e risonava di gemiti la stanza. Alfin satollo di lagrime il Pelìde, e ritornati tranquilli i sensi, si rizzò dal seggio, e colla destra sollevò il cadente veglio, il bianco suo crin commiserando ed il mento canuto[5].

Anche la vicenda di Ulisse assume un particolare significato. Finita la guerra di Troia, l’eroe si accinge a fare ritorno nella sua Itaca, ma il viaggio intrapreso verso casa è costellato da innumerevoli peripezie. Durante gli anni in cui Ulisse resta lontano, la sua reggia diventa dimora dei Proci, il padre Laerte si consuma nel dolore e il figlio Telemaco è seriamente preoccupato per la sorte del padre. Telemaco non si rassegna alla lunga attesa e decide di andare alla ricerca di Ulisse.

Così viene descritta la partenza di Telemaco che, dopo avere atteso tanti anni il ritorno di suo padre, ormai giovinetto, si mette alla testa di una nave e parte per andare a ritrovarlo: “Tacque, e loro entrò innanzi; e quelli dietro teneangli. Indi con l’anfore e con gli otri, come d’Ulisse il caro figlio ingiunse, tornaro, e il carco nella salda nave deposero. Il garzon sopra vi salse, preceduto da Pallade, che in poppa s’assise; accanto ei le sedea: la fune I remiganti sciolsero, e montàro la negra nave anch’essi, e i banchi empiero. Tosto la dea dalle cerulee luci chiamò di verso l’occidente un vento destro, gagliardo, che battendo venne su pel tremulo mar l’ale sonanti. “Mano, mano agli attrezzi”, allor gridava Telemaco: “ov’è l’albero?” I compagni l’udiro, e il grosso e lungo abete in alto drizzaro, e l’impiantaro entro la cava base, e di corda l’annodaro al piede; poi tiravano in su le bianche vele, con bene attorti cuoi. Gonfiò nel mezzo le vele il vento; e forte alla carena l’azzurro mar romoreggiava intorno, mentre la nave sino al fin del corso su l’elemento liquido volava. Legati i remi del naviglio ai fianchi, incoronaro di vin maschio l’urne, e a ciascun degli dèi sempre viventi libaro, ma più a te, figlia di Giove, che le pupille di cilestro tingi. Il naviglio correa la notte intera, e del suo corso al fin giungea con l’alba[6].

La mitologia e la letteratura ad essa ispirata lasciano intravedere le tante possibilità di significato che può assumere la figura paterna. La storia recente e le immagini incomposte di una società complessa, deprivata di qualunque dimensione sacrale, ci parlano della crisi di ruolo che sta attraversando il padre.


[1] Eschilo, Eumenidi, episodio IV

[2] Ovidio, Metamorfosi, libro VIII

[3] Omero, Iliade, libro VI

[4] ivi, libro IX

[5] ivi, libro XXIV

[6] Omero, Odissea, libro II

PREFAZIONE A

                                     SULLE ORME DEL PADRE

                     attraversando il ‘68 e gli anni del pensiero

                                  

                                              PREFAZIONE

 

Il soffio del padre ha garantito nello scorrere dei secoli lo sviluppo armonico di tutti i membri della famiglia, il suo alito ha spinto il figlio ad andare più lontano, lo ha spinto e sostenuto  nell’abbandonare lo stato del puer aeternum per aprirsi consapevolmente alla vita e divenire adulto.

Oggi lo spirito del padre è vacillante, le sue orme si stanno perdendo, la genitorialità è sostenuta come binomio madre-figli; il padre è divenuto altro.

Un elemento estraneo? Un nemico da combattere? Un pericolo da isolare? Un ruolo minore da circoscrivere?

Antonio Bertinelli prende il lettore per mano e lo accompagna in un percorso di analisi critica che ricostruisce il panorama storico e politico, prende in esame scenari nazionali ed internazionali, espone le cause del malcostume e della piaggeria, denuncia la lenta ma inesorabile costruzione di un nuovo immaginario collettivo.

Il quadro che ne risulta è allarmante, ed ha il peggiore dei difetti immaginabili per tutti coloro che, privi di qualunque remora, si sono arrogati il compito di addormentare le coscienze.

 E’ reale, è drammaticamente reale.

                                                                                                                  Fabio Nestola

Il blu, neanche più in cielo

Se ancora non si è verificato il fallimento degli Usa lo si deve solo al fatto che la Fed stampa alacremente tutti i soldi che servono e li passa alle banche senza interessi. Il dollaro costituisce la base del sistema commerciale mondiale e anche questo aiuta, ma quanto potrà continuare il gioco dei gangster finanziari? Al debito pubblico si aggiungono il deficit commerciale, l’economia che annaspa, la disoccupazione, le speculazioni di Wall Street e le guerre coloniali su base planetaria. Secondo il rapporto del “Comptroller of the Currency”, al 31 dicembre 2011, le scommesse sui derivati delle banche statunitensi erano pari a duecentotrentamila miliardi di dollari (oltre quindici volte il Pil), concentrate nelle mani di cinque istituti. A quella data J. P. Morgan Chase, con un capitale a copertura del rischio di centotrentasei miliardi, gestiva settantamiladuecento miliardi di derivati, Goldman Sachs, con un capitale a copertura del rischio di diciannove miliardi, ne aveva un pacchetto di quarantaquattromila miliardi di dollari. Nelle città degli Usa il controllo sociale è sempre più militarizzato. Eppure tutte le attenzioni della stampa finanziaria sono per l’Europa e l’euro come se la crisi economica non dipendesse proprio dall’onnipotente sistema bancario anglo-americano. Nonostante le esortazioni ed i rimproveri con finalità elettoralistiche di Barak Obama, per come stanno le cose, per i guinzagli dei politici al servizio delle lobbies, per la camicia di forza dell’euro, è difficile credere che l’economia europea possa riprendersi portando benefici anche ai cittadini d’oltreoceano. Per adesso l’Ue e la moneta unica continuano a distruggere l’economia reale mentre gli Stati indebitati, ad uno ad uno, vengono vampirizzati attraverso i soliti algoritmi imposti, da grandi corporations e banche d’affari, ad ogni governo fantoccio. In Italia è cominciata la corsa per accaparrarsi il gas imprigionato nel sottosuolo attraverso le tecniche di fracking. Al Paese, molto probabilmente assoggettato ad esperimenti di geoingegneria della Nato, grazie alle chemtrails, non sono rimasti neanche i proverbiali cieli azzurri per consolarsi. Il quisling partenopeo, quando è stato interpellato sulle scie chimiche, ha rimandato la palla all’Ufficio per gli Affari Militari, alla Segreteria del Consiglio Supremo di Difesa ed al “competente” Ministero della Difesa. In Grecia l’European Goldfields ha acquisito per pochi milioni il diritto di sfruttamento delle grandi miniere aurifere vicine a Salonicco. La società canadese, che non è obbligata a nessuna opera di bonifica successiva agli scavi, prevede quindici miliardi di ricavi. L’euro è uno dei tanti strumenti con cui si sono indebolite le sovranità nazionali attraverso il debito pubblico. E’ destinato a restare in vita tutto il tempo necessario per consentire all’élite globalista di raggiungere gli scopi che si è prefissa, ma non è con la sua sostituzione che saranno risolti i problemi degli europei privati dei principi fondamentali e delle strutture basilari della democrazia. Dipende da chi cura gli aspetti coreografici e così le colpe transitano da un paese all’altro. Di volta in volta, si parla di popoli viziati, fannulloni, sfaticati, cicale e politici corrotti. Si evita di dire che qualunque sistema di potere, e segnatamente quello mondialista, consente di arrivare a posizioni apicali, anche di governo, solo a soggetti funzionalmente selezionati. Se un gruppo criminale ha necessità di esecutori coopterà ovviamente dei criminali o dei personaggi con predisposizione a delinquere. Appaiono dunque risibili le dichiarazioni di Gorge Soros che alcuni anni fa, insignito con la laurea honoris causa dall’Università di Bologna, anfitrione Romano Prodi, affermò di operare secondo le leggi degli Stati, lasciando discendere tutti i disastri sociali causati finanziariamente dalle inettitudini dei governi nazionali. Oggi un banchiere dall’eccezionale sensibilità sui fenomeni socio culturali, dunque anche economici, come Raffaele Mattioli non arriverebbe a dirigere neanche una cassa di risparmio paesana ed un economista come Federico Caffè dovrebbe ritenersi fortunato se mai trovasse una cattedra nella scuola dell’obbligo. Ultimamente va per la maggiore imputare tutte le pene dell’inferno europeo all’ottusità tedesca. In effetti l’adozione della moneta unica ha permesso alla Germania il rafforzamento delle esportazioni, il contenimento della pressione fiscale ed il reperimento di risorse a tassi estremamente bassi, migliorando sempre più le condizioni delle sue finanze. Va da se che capeggi il partito transnazionale dell’austerità. Nei rapporti tra Stati, inclusi quelli dell’Ue, vale la legge della giungla. Fino a quando le sarà possibile la Germania cercherà di mantenere il suo modello produttivo, la sua pur ridotta sovranità nazionale e farà del suo meglio per non finire “normalizzata” dal capitalismo neoliberista come è già accaduto ai cosiddetti Pigs. Sarà solo una questione di tempo, ma dovrà cedere anche lei. Non è rilevante il numero e la grandezza degli istituti bancari forse già destinati a fallire come Lehman Brothers. Non importa se al posto dell’euro tornerà il marco. Le élites che pilotano la finanza e l’economia globalizzate guadagnano sempre in termini di controllo dei popoli e possesso di beni materiali, senza mai rimetterci nulla. Le nuove liquidazioni di patrimoni pubblici che sta per effettuare il governatore “straniero” sono lì a ribadire che, nei rapporti di forza internazionali, loro sono loro mentre, oggi più di ieri, l’Italia e gli Italiani non sono un cazzo. Di tutto il resto se ne può parlare durante la sfilata di qualche corteo democratico di lavoratori e studenti o magari dal barbiere.

Antonio Bertinelli 14/6/2012

Blow-up

Il passatempo “guardie e ladri”, praticato fin dal XVII, esisteva in numerose varianti, tutte accomunate dal confine che identificava il campo dei prigionieri. La compagine delle guardie inseguiva i ladri per trascinarli nella zona da essa presidiata e la competizione si concludeva quando tutti i “farabutti” erano stati catturati. Chissà se l’inventore del vecchio gioco venne ispirato da un fine pedagogico. L’avvento degli svaghi tecnologici lo ha spedito nel dimenticatoio mentre, piano piano, una coltre nebbiosa ha coperto la linea di demarcazione tra lecito ed illecito, tra legalità ed illegalità, tra interesse pubblico ed interesse privato, tra realtà e propaganda. In quest’area dai confini labili, dove si compenetrano Stato, finanza, economia, mafie, logge massoniche, servizi segreti, poteri legittimi e poteri criminali, quando si verificano determinati eventi è arduo stabilire la quantità e la natura di tutte le cause possibili al loro dispiegarsi. Nel volgere di poco tempo se ne sono verificati alcuni che, a nostro avviso, meritano qualche foto: gli scandali del Vaticano, gli attentati terroristici ed il successo elettorale del Movimento Cinque Stelle. Dalle denunce di abusi sessuali alle lotte intestine per il controllo dei forzieri, rievocando le gesta della banda della Magliana, il rapimento di Emanuela Orlandi ed i misfatti di Monsignor Marcinkus è nato un potpourri da servire urbi et orbis per dimostrare che la Chiesa è un’istituzione corrotta come tante altre. Nel ripercorrere la sua storia, basterebbe ripensare alla pusillanimità dell’apostolo Pietro, alle vicende che spinsero Celestino V ad abdicare o ai papati della famiglia Medici per rendersi conto che la Chiesa, fin dalla sua fondazione, non ha coltivato nel suo seno solo maestri di virtù. Di questo è consapevole il curato di campagna, il sacerdote impegnato sul fronte del sociale, il missionario in Africa, il parroco, il vescovo, il cardinale e lo stesso papa Ratzinger. Dato che l’agenda informativa globale è curata mensilmente a Washington, dai rappresentanti dei principali media, dai componenti del Governo, dai membri del Congresso e dai vertici dei servizi d’intelligence, le periodiche denunce dei misfatti vaticani non possono ritenersi casuali. Alimentare il discredito della Chiesa assimilandola sic et simpliciter ad un’accolita di malfattori può essere un modo per tenerla sotto pressione, per limitarne la sovranità, per costringerla a miti consigli e renderla più consona ai desiderata della cupola finanziaria anglo-americana. Sull’attentato alla scuola di Brindisi, più che su quello “anarchico” di Genova, sono scorsi fiumi di parole. Anche se le famiglie delle vittime vivono a Mesagne, città natale della Scu, non sposiamo l’idea della possibile matrice “mafiosa”, così come è stato fatto da molti commentatori. Ci sembra più utile porre l’attenzione sul rischio che corre qualunque killer e sui benefici che ne potrebbero trarre i mandanti. Di ipotesi, più o meno collegate alle dinamiche della psicologia di massa, sui vantaggi che potrebbero derivare dalle bombe stragiste, se ne potrebbero fare a iosa. Sul rischio corso abbiamo la netta sensazione che gli ideatori del crimine si sentano, come d’abitudine, in una botte di ferro. Sul suo blog Beppe Grillo scrive: “Bomba o non bomba arriveremo a Roma. Nell’aria c’è odore di zolfo, ma il cambiamento non si può arrestare”. E qui si pone l’interrogativo sui futuri indirizzi politici del Movimento 5 Stelle, apparentemente unico antidoto su piazza per contrastare le ammucchiate parlamentari e per curare i tatticismi di opposizioni partitiche disomogenee o subalterne al Pd. Molti elettori, ormai nauseati da una miriade di cialtroni incapaci o corrotti, in cerca di un’alternativa, hanno scelto di puntare sul nuovo. Premesso che il successo dei “grillini” è frutto di un’eccezionale combinazione tra fattori sociali, politici ed economici, va quanto meno rilevato il repentino sdoganamento mediatico del Movimento, incluso quello de “Il Sole 24 Ore”. Troppa grazia. Dove trovano spinta i salti carpiati con cui si cimentano gli estimatori dell’ultima ora dei “grillini”? Senza voler sminuire il merito di tanti giovani che si accingono ad amministrare la cosa pubblica, vogliamo sottolineare che la forza politica, ormai prossima ad insediarsi in Parlamento, è estranea alle sofferenze della “pauper class”, ai movimenti di massa e alle lotte per i diritti del lavoro. I destini di un Paese non dipendono solo dalla cacciata delle attuali sentinelle partitiche, dall’ubicazione di un inceneritore e dal freno alla cementificazione. Siamo stati infilati nella trappola neoliberista con la menzogna. Va trovata la maniera per uscirne e va prestata attenzione a qualunque traffico si svolga in adiacenza dei centri di potere, segnatamente se euroglobalisti. L’humus culturale, i trascorsi e i riferimenti dell’influencer del Movimento 5 Stelle non si prestano molto alle illusioni. Si dice che per vincere lo scetticismo bisogna ripudiarlo. C’è chi lo ha già fatto e vorremmo farlo anche noi.  

Antonio Bertinelli 28/5/2012

Frustrazione e terrorismo

I fermenti che attraversano i popoli del Vecchio Continente sembrano indicare che siamo giunti all’ultimo capitolo delle vicissitudini dell’Ue. Gli eurocrati stanno facendo del loro meglio per ritardarne il crollo e le fasi conclusive possono ancora essere argomento d’indagine intellettuale. La Germania è l’unico paese che ha tratto dall’Unione e dalla moneta unica il massimo dei vantaggi che poteva ottenere. Così come ha consentito che trapelasse dalla stampa la creatività contabile di Carlo Azeglio Ciampi e Romano Prodi per entrare nell’euro, potrebbe decidere di abbandonare tale moneta senza soffrirne troppo. Le elezioni di oggi nel Nordreno-Vestfalia, che vedono la pesante sconfitta della Cdu di Angela Merkel, sono un altro segnale d’insofferenza per l’Ue. In Italia permane l’arcano sull’entità dei derivati posseduti dal Ministero del Tesoro e sulle ragioni di questo possesso: assicurazioni vendute alle banche d’affari, copertura del rischio tasso sui titoli di Stato, dilazioni nel pagamento degli interessi sul debito pubblico o speculazioni finanziarie. Anche alcune centinaia di Enti Pubblici hanno accumulato notevoli perdite acquistando derivati. La politica si è fatta garante di questi strumenti finanziari e non può rescindere i contratti stipulati. In via teorica qualunque governo, specialmente se a capo di una nazione bersagliata economicamente come la nostra, potrebbe decretare che l’immondizia cartacea di Goldman Sachs, Morgan Stanley, Bank of America, Citigroup, etc., è nulla o, in alternativa, chiedere alle varie banche, dando in cambio quegli stessi titoli, un prestito pari a metà del loro valore per rilanciare l’economia reale, nazionalizzare la Banca Centrale e riappropriarsi della sovranità monetaria. Allo stato delle cose, vista l’impossibilità di realizzare un’azione di questo genere senza pagare un prezzo esorbitante all’élite globalista, l’esecutivo Monti, peraltro emanazione di questa, in seguito alle ribellioni popolari contro Equitalia e alla gambizzazione di un dirigente di Finmeccanica, dichiara l’emergenza terrorismo. La società incaricata della riscossione nazionale dei tributi opera secondo legge ed è proprio questo il punto su cui battono i santi taumaturghi impegnati sul fronte dell’evasione fiscale, naturalmente quella “minore”. Senza considerare la supponenza, gli errori, le somme non dovute a questo o a quell’altro organismo e i difetti di notifica, le richieste e gli strumenti di Equitalia sono tali da lasciare il cittadino comune in balia di questa, per alcuni provvidenziale, Spa, delle sue maggiorazioni, delle ganasce amministrative, del pignoramento dei conti correnti bancari, delle trattenute su stipendi e pensioni. Se fosse solo un problema di qualche “cartella esattoriale pazza”, che magari decuplica una sanzione già regolarmente pagata, non saremmo arrivati alle rivolte spontanee contro tecniche dissuasive ritenute da molti odiose e vessatorie. Quanta gente si è trovata con qualche bene ipotecato senza saperlo per presunti debiti di alcune centinaia di euro? Quanti piccoli imprenditori si sono visti togliere i fidi bancari? L’attentato di Genova potrebbe trovare spiegazioni nell’attività internazionale di Finmeccanica o dipendere dalle mire affaristiche di chi, dopo la gogna mediatico-giudiziaria, vuole farne polpette e dunque non avere alcuna attinenza con formazioni eversive. Ci sono troppe cose che non convincono sul revival del terrorismo. E poi a chi giova ferire l’a.d. di un polo nucleare o un gabelliere di Equitalia? Dare vita in qualunque maniera allo stato d’emergenza terroristica nel Paese, dove solo i più deboli sono stati chiamati a pagare il conto della crisi economica, può servire l’etablissement in due modi: dissuadere chi scende in strada per protestare contro le iniquità, indurre nella popolazione l’urgenza di sicurezza. In entrambi i casi gli Italiani, impauriti e resi ansiosi dai media mainstream, finiranno per affidarsi inconsapevolmente ancora una volta agli ascari dell’alta finanza, cioè a quei personaggi che li hanno defraudati, affamati, condannati al sottosviluppo perpetuo.

Antonio Bertinelli 13/5/2012

Governo high tech

Il processo a carico degli aderenti alla loggia massonica P2, conclusosi nel 1996, sentenziò che la destabilizzazione istituzionale operata dalla stessa non costituiva reato di cospirazione politica. I giudizi espressi da personalità come Sandro Pertini, uno dei primi a definire la P2 “un’associazione a delinquere”, sono stati consegnati alla storia. Per quanto attiene le figure di attentato alle istituzioni democratiche il legislatore ha successivamente modificato il codice penale con la legge 85/2006. Con essa ha notevolmente ridotto le pene previste ed ha introdotto la pregiudiziale di “connotazione violenta”, così da rendere gli articoli interessati inidonei a svolgere  una qualunque azione deterrente a tutela di beni di rango particolarmente elevato quali l’integrità, l’indipendenza e l’unità dello Stato, la Costituzione e gli organi Costituzionali. Riteniamo che la maggioranza degli Italiani abbia da sempre la consapevolezza di vivere in un Paese satellite degli Usa. Quello che probabilmente ha dato origine ad una serie di esposti-denunce contro Giorgio Napolitano & Co deve essere stata la sfacciataggine con la quale l’Italia è stata, e definitivamente, consegnata nelle mani della finanza internazionale. L’era Monti è il coronamento di un programma iniziato con il divorzio tra la Banca Centrale ed il Ministero del Tesoro, svolto gradualmente dai governi “tecnici” succedutisi negli anni, perfezionatosi con la svendita di aziende pubbliche strategiche, l’ingresso nella moneta unica, lo sfilacciamento del tessuto produttivo nazionale, la pornografia civica, l’apparato fiscale jugulatorio per chi non fa parte del reef o è fuori dell’industria dell’offshore e l’accettazione supina del verbo globalista. Qualunque iniziativa individuale o collettiva per salvare il Paese dalla delirante perversione tecnocratica, difenderlo dai falsi seriali divulgati dai suoi ministri, fargli restituire il maltolto, aprirlo a migliori destini, merita rispetto. E’ parimenti utile non perdere di vista l’insieme. Per mille e una ragione i magistrati, anche quei pochi rimasti col petto in fuori, non possono offrire un approdo. A maggior ragione non possono offrire soluzioni quelli compiacenti, remissivi ed intrinsecamente abdicanti. I personaggi denunciati sono parte costitutiva di un sistema reso pressoché inattaccabile dall’esterno. Per gli eventuali illeciti commessi al di fuori delle sue funzioni il Presidente della Repubblica non è coperto da particolari garanzie, anche se, essendo al vertice del Csm, ci sembra “incongruente” che possa venire sottoposto al giudizio della Magistratura ordinaria. In tutti gli altri casi è ritenuto “irresponsabile” o passibile d’impeachment da parte del Parlamento per essere eventualmente processato dalla Corte Costituzionale. Per ministri e parlamentari, in concorso o meno di reato, ci vuole l’autorizzazione a procedere delle Camere. In sintesi, anche se il tradimento del Paese, se la totale cessione della sovranità, con costi immensi riversati esclusivamente sulle masse popolari, sono ormai evidenti, è altrettanto evidente come siano spuntati gli strumenti giuridici per perseguire i responsabili. L’Italia martoriata, come altri paesi europei costretti a politiche demolitive, autolesioniste e recessive, per di più senza reddito minimo di cittadinanza come la Grecia, si trova in una situazione kafkiana. Bruciata del tutto se resta nell’Ue, danneggiata gravemente se riesce a venirne fuori. La crescita è un concetto tutto da rimodulare, ma quella di cui parla ed auspica il governo Monti si riferisce ai profitti dei banchieri, dei grandi imprenditori e delle multinazionali. L’unica crescita che vedranno tutti gli altri sarà quella dello sfruttamento salariale, dei suicidi, delle sofferenze dei pensionati, della disoccupazione, della povertà e della miseria. L‘incubo high tech in cui siamo sprofondati ci prospetta questo panorama: la distruzione dello stato sociale e dei diritti del lavoro, la certezza che il sistema finanziario farà di tutto per sabotare qualsiasi mutamento politico sostanziale. Checché ne pensino i Francesi del verme parassitario che distrugge l’economia reale, anche François Hollande sarà indotto a compitare secondo i desideri di Nicolas Doisy, capo economista di Chevreux, società d’affari del Crédit Agricole. Probabilmente alle elezioni amministrative del 6 e 7 maggio il Movimento 5 Stelle, che si occupa prevalentemente di acqua, ambiente, trasporti, connettività e sviluppo sostenibile, conseguirà un grande successo. Nulla da eccepire su dei giovani fortemente motivati nel voler ripulire la politica. Resta la domanda se, nel corso avanzato del ” più grande crimine”, non sia troppo poco e troppo tardi.

Antonio Bertinelli 30/4/2012

Un assedio senza fine

La perdita della sovranità monetaria ha fatto soccombere gli Stati privandoli della possibilità di armonizzare i fattori dell’economia e la vita collettiva. Travolti dalla dittatura finanziaria, che ha svalutato tutti i valori, che ha ucciso  l’inestimabile, il disinteressato ed il gratuito, il loro attuale compito è quello di facilitare i programmi delle élites globaliste. Uno Stato che non può battere moneta, che non può spendere a deficit  per tutelare contemporaneamente lavoratori ed imprese, costretto ad indebitarsi per garantire finanche dei servizi essenziali, pur aumentando la pressione fiscale di massa, non ha alcuna possibilità di durare nel tempo. Uno Stato privato della sovranità monetaria, per di più strangolato dalle banche, è costretto a procurarsi i mezzi finanziari attraverso un sistema tributario che colpisce sempre più pesantemente i ceti deboli, fino ad arrivare allo stalking. L’Italia, da sempre preda di cento ed una mafia, con una storia offuscata da stragi e trame eversive, soggiogata nel suo divenire da una catena di poteri occulti, resa scacchiera di giochi politici sovranazionali, parassitizzata con grande impeto dai partiti politici, è finita in ultimo nel vortice del dogmatismo finanziario di stampo anglo-americano. Dopo che la cosiddetta classe dirigente ha progressivamente elevato la corruzione a sistema di governo, facendo pagare il conto agli Italiani, oggi gli stessi debbono sopportare un vero e proprio dumping economico-sociale perché, secondo gli officianti neoliberisti, è ineluttabile che sia così. I dogmi del mercato senza regole, delle corporations e dei banchieri, non devono essere sottoposti a prove di veridicità. La demolizione delle norme a tutela del lavoro è già passata attraverso l’abolizione della scala mobile, l’esclusione dalla fabbrica di determinate rappresentanze sindacali, la precarizzazione dei contratti, il “referendum” Fiat-Mirafiori, la legge n.148/2011 e adesso, nonostante si possa da molti anni ricorrere ad un grande discount per approvviggionarsi di manodopera a basso costo, arriva l’epifania Monti-Fornero. In mancanza di qualunque leva svalutativa sulla moneta,  è giocoforza cercare di diventare competitivi sui mercati utilizzando la “flessibilità in entrata e in uscita”, aumentando i ritmi e l’orario di lavoro, abbassando i salari. Così la dittatura finanziaria permette alle imprese produttive di ripristinare la schiavitudine. Il refrain sull’entità del debito pubblico sostiene la svendita ai privati del patrimonio comune residuo e giustifica la scomparsa del welfare dietro un precetto costituzionale sul pareggio di bilancio. Chiudere il bilancio dello Stato senza disavanzo significa inibire alle istituzioni preposte la possibilità di intervenire nell’economia con provvedimenti d’interesse generale o comunque anticiclici. Con la modifica della Carta in tal senso si consegna irreversibilmente il Paese  nelle mani delle oligarchie finanziarie. Quando con gli abusi, quando con le leggi, quando con i trattati internazionali, quando per stretta subordinazione atlantica, nel silenzio pressoché totale dei media mainstream, gli Italiani sono stati definitivamente circondati. Come le cronache quotidiane delle vergogne nazionali e il girare a vuoto della macchina giudiziaria anche le future elezioni si ridurranno ad un evento mediatico d’intrattenimento. Per quanto siano numerosi  e valenti i gruppi che cercano di difendersi dall’accerchiamento, sembra che non esistano i presupposti per la costituzione di un fronte unico. Il 2011 ha visto fallire 50.000 aziende agricole ed altre 11.615 di diversa natura, 1800 interinali Inps sono stati buttati in mezzo ad una strada, la Valsusa sta subendo gli espropri dei terreni, gli “esodati” sono scesi in piazza chiedendo il rispetto dei patti firmati, i ferrovieri verranno posti in quiescenza oltre i 66 anni d’età, molti pensionati avranno difficoltà a pagare l’Imu, lo sfruttamento sul lavoro sta diventando la regola, i senza lavoro e gli indebitati con il fisco si ammazzano, Christine Lagarde si preoccupa perché le persone sono troppo longeve e gravano sulle finanze dello Stato, il calo dei consumi alimentari si fa drammatico, le rapine ed i furti aumentano, la recessione morde. La strategia militare insegna che davanti a delle forze schiaccianti, per non cadere nelle mani del nemico, si può scegliere tra il suicidio e la guerriglia. La guerriglia è un conflitto di movimento che deve guadagnarsi il sostegno della popolazione. Si colpisce e poi ci si ritira. Lo scontro si svolge attraverso punzecchiature , incursioni, imboscate, raid contro i centri di comando e azioni diversive.

Antonio Bertinelli 16/4/2012

Repetita iuvant

Grazie ad un buon accordo con la Cftc, il colosso bancario JPMorgan Chase, tra i principali responsabili del crack di Lehman Brothers, evento che ha segnato l’accelerazione della crisi economica mondiale, sembra disposto a chiudere il contenzioso aperto dall’organismo di controllo citato pagando venti milioni di dollari. C’è da scommettere che anche la Royal Bank of Canada, accusata di aver condotto una serie di transazioni illecite sui contratti futures per centinaia di milioni di dollari, al solo fine di ottenere vantaggi fiscali, non verrà adeguatamente sanzionata. Dall’inizio del 2011, grazie alla riforma Dodd-Frank, la Commodity Futures Trading Commission ha la facoltà d’imporre un tetto alla quantità di petrolio che gli operatori possono controllare sul mercato dei futures. Il Presidente della Cftc Gary Gensler, ex dirigente di Goldman Sachs, continua ad ignorare il mandato del Congresso. In tal modo banche e fondi speculativi, che controllano quasi l’80% del mercato dei futures energetici, possono continuare a fare enormi profitti attraverso la bolla sul prezzo del petrolio. Pur essendo la domanda di greggio lontana dalla realtà, gli aumenti dovuti alla speculazione hanno finito per riversarsi sulle pompe e su tutti i generi di largo consumo. Secondo la britannica Financial Services Authority la maggior parte delle banche inglesi non ha ancora messo in atto i controlli anti-corruzione sul’investment banking previsti dal Bribery Act, approvato lo scorso anno. Il governo di David Cameron sta vagliando alcune proposte di acquisto per Lloyds e Royal Bank of Scotland. L’operazione in perdita scaricherebbe sulle spalle dei contribuenti trenta miliardi di sterline. Malgrado esistano ancora tre paesi (Corea del Nord, Cuba, Iran) le cui banche centrali non sono controllate dai Rothschild, l’omonimo gruppo bancario ha annunciato la prossima nascita di un organismo unico globale per la gestione del patrimonio e degli asset onde migliorare la produttività e risparmiare sui costi. Una ricerca dell’Università del Michigan ha rilevato che il numero di famiglie americane in stato di “povertà estrema” ossia che vivono con meno di due dollari ciascuno al giorno, per almeno un mese all’anno, è passato da 636.000 del 1996 a 1.460.000 del 2011. Nello stesso periodo 2006-2011 il welfare è stato progressivamente ridotto tanto che, nonostante la diffusione della miseria, il numero degli statunitensi con aiuti mensili governativi è passato da 12.300.000 a 4.400.000. Il numero dei poveri ammonta a 47.000.000, il numero dei detenuti a 6.000.000. Sono in corso iniziative per smantellare i fondi pensione dei dipendenti pubblici. Trovare un posto di lavoro è quanto mai difficile. L’Apple impiega 43.000 persone negli Usa e 700.000 persone in Cina. L’85% dei ragazzi laureati torna a casa dai genitori. La Gran Bretagna, dopo aver venduto il patrimonio ideale laburista al banco del thatcherismo, è del tutto plasmata dai vangeli della City londinese. Dalla primavera del 2009 ad oggi la Bank of England ha stampato trecentoventicinque miliardi di sterline. Si dice che il piano di quantitative easing sia stato messo a punto per sostenere l’economia nazionale. Eppure il Regno Unito, travolto dall’avidità delle grandi banche, vede avanzare la malnutrizione e la fame. Ad ogni settimana che passa la Kids Company registra settanta nuovi bimbi che si rivolgono all’associazione per ottenere un pasto. Diciotto istituti di credito, tra i quali Bank of America, Barclays, Citigroup, Deutsche Bank, e Ubs, sono finiti sotto inchiesta perché avrebbero mantenuto artificialmente basso il tasso del Libor per non sembrare vulnerabili o per gonfiare gli utili. Dovrebbe essere il maggiore scandalo finanziario della storia, ma sta passando quasi sotto silenzio. Negli ultimi mesi la Bce ha erogato alle banche un prestito di oltre mille miliardi di euro ad un tasso dell’1%. Questa immensa massa di denaro non è confluita nell’economia reale, ma è servita per finanziare/strangolare i paesi con i maggiori debiti pubblici. Dato che gli Stati, attraverso le loro istituzioni, aiutano i banksters a destabilizzarli la situazione economica degli europei appare destinata a peggiorare. In Italia il turbocapitalismo è finito in pole position a datare dal 1993, grazie ad “esecutivi tecnici” che in un decennio di “regalie” a favore, tra gli altri, di Merril Lynch, Goldman Sachs e Morgan Stanley, hanno contribuito a ridurre il Pil del 36%. Oggi, con Mario Draghi presidente della Bce e Mario Monti presidente del consiglio, ha ingranato la marcia più alta. La realtà dimostra che le scelte neoliberiste hanno portato tragedie sociali ovunque, ma le politiche feroci non cambiano, continuando a bersagliare pensionati, pensionandi, disabili, piccoli imprenditori e, con essi, l’intero mondo del lavoro subordinato. Le oligarchie si formano con la prevaricazione e si rafforzano nell’invisibilità. Ad ogni sconfitta della democrazia corrisponde sempre una svolta regressiva per i popoli. La golden age of american capitalism è finita da un pezzo. In tutti i paesi dell’Impero si è creato un abisso tra i bisogni dei cittadini e le scelte poste in essere dai governanti. Le forze politiche, lungi dall’essere alternative tra loro, si equivalgono per affarismo e rappresentano gli interessi delle classi dominanti. Che la sfida sia tra democratici e repubblicani, tra laburisti e conservatori, tra Pdl e Pd, non sarà una qualche tornata elettorale a cambiare l’ordine delle cose.

Antonio Bertinelli 6/4/2012

Muscoli circolari

Dallo sfintere di un gallo spuntano alle bisogna anche i suoi organi genitali, da quello di una gallina fuoriescono anche delle uova, da quello di un cappone esce solo sterco. La pollina derivante dagli allevamenti avicoli, in rapporto al suo impiego, può fertilizzare questo o quell’altro appezzamento di terreno, assecondare il fiorire di questa o di quell’altra pianta. Deiezioni abbondanti, quando non opportunamente trattate, inquinano le falde acquifere o bruciano i campi. I moniti ed i comunicati emanati da un arbitro legatosi mani e piedi alle direttive della Global Class stanno predeterminando gli esiti di partite mortali come quelle in corso tra “governanti” e “governati”, tra finanza ed economia, tra capitale e lavoro. La riscrittura dell’art. 18 della legge 300/70 sembra ispirata da pura e semplice libido dominandi, rappresenta più un atto d’imperio che una risposta a delle oggettive necessità imprenditoriali. Non si vede proprio la ragione per la quale un investitore straniero dovrebbe aprire una fabbrica in Italia quando potrebbe farlo con gravami più leggeri in Slovacchia. La massima libertà di licenziare in cambio di una manciata di soldi, voluta dall’esecutivo Napolitano-Monti, aiuta solo quelle realtà aziendali consuetudinariamente saprofite, ma non può contenere i danni provocati dal capitalismo apolide, non può competere con i bassissimi costi del lavoro asiatico, non può supplire alle mancate innovazioni tecnologiche, non costituisce l’alternativa all’obsolescenza di determinate linee di produzione, non resuscita in alcuna maniera la ricerca scientifica, non aumenta le opportunità occupazionali, non rimuove le forche caudine del parassitismo di stampo mafioso. Qualunque imprenditore fuori dalla logica del mordi e fuggi sa di non poter tirare la corda all’infinito. I delocalizzatori di Benetton, Bialetti, Calzedonia, Dainese, Fiat, Geox, Omsa, Rossignol, Stefanel, Tod’s, etc. sono consapevoli che domani non potranno collocare le loro merci in un’Italia economicamente regredita e in un’Europa sempre di più depauperizzata. Sicuramente non credono di poter vendere i loro prodotti là dove si vive con un paio di ciotole di riso al giorno. Per adesso hanno subito o scelto il carpe diem dell’avventura imprenditoriale fuori dell’Italia, ma quando l’economia reale d’Europa sarà ridotta ad un deserto, dopo aver delocalizzato i loro stabilimenti, dovranno forzatamente delocalizzare anche le loro esistenze. La narrazione di una Ue a misura di cittadini è smentita dalla sua genesi nel segreto delle diplomazie, dalla primazia degli oligopoli e da quella burocrazia dittatoriale che ha prevaricato le sovranità nazionali. Il massimo profitto, il controllo delle fonti energetiche e l’egemonia su tutti gli Stati sono i capisaldi del Nwo. In nome della pace e dei diritti umani la classe cosiddetta dirigente del Paese ha spinto le Forze Armate in cinque guerre, ha sottoscritto sanzioni ed embarghi contro intere popolazioni la cui sola colpa è quella di avere governi “distonici”. Per contenere il debito pubblico ha consentito che aumentassero ingiustizie e disuguaglianze, ha fatto si che crescessero di pari passo le ricchezze di pochi e le povertà di tutti gli altri. L’Ue è funzionale e subalterna al disegno globalista. L’Europa è così malata che i suoi medici prosperano. La politica è latitante, la finanza gestisce a proprio piacimento la crisi, i banchieri riempiono i loro forzieri mentre la recessione attanaglia, dove più e dove meno, le economie di tutti i paesi. Ben pagati maestri di palazzo, con o senza aplomb, nel crescendo del caos sociale, tra conflitti e genocidi, stanno lavorando per la realizzazione di un “sud” europeo, dove la manodopera ingabbiata dai rigori imposti dai sacerdoti della moneta unica potrà essere meglio sfruttata. Dato che, con l’ausilio dei ciechi, dei sordi, dei muti, degli idioti, dei garzoni e dei cicisbei, sembra che i cinici vogliano trasformare tutti i popoli indistintamente in plebe acefala, senza diritti e senza pretese, è probabile che la configurazione di questo “sud” sia solo transitoria e/o propedeutica. Continuando di questo passo non sono da escludere delle esplosive rivolte sociali. Aumenta inoltre il rischio di un conflitto planetario, concepito da una parte della classe dominante come provvidenziale regolatore malthusiano e da un’altra parte della stessa come opportunità di un nuovo Eldorado.

Antonio Bertinelli 24/3/2012